La settimana del Rosadigitale è una manifestazione per le pari opportunità di genere nel campo del digitale che ha lo scopo di abbattere le disuguaglianze tra uomo e donna.

Organizzata dal movimento Rosadigitale e arrivata alla sua terza edizione, si svolgerà in tutta Italia e all’estero, dal 2 al 12 Marzo 2018, in occasione della giornata internazionale della donna.

L’iniziativa, che nel 2017, ha vantato più di 450 eventi in tutta Italia, è nata come viaggio iniziatico per sensibilizzare le persone alle pari opportunità in ambito tecnologico.

Negli eventi, chiamati petali, si racconteranno storie ed esempi di grandi informatiche che hanno contribuito e/o che tuttora cooperano attivamente per la società rendendola più innovativa, ma saranno anche presenti, eventi gratuiti o a pagamento, online e dal vivo, come: workshop, talk, seminari, conferenze, laboratori e progetti online.

Appuntamenti, preferibilmente rivolti a tutti, senza distinzioni di genere, che verranno organizzati autonomamente da associazioni, persone, aziende e istituti scolastici di ogni ordine e grado, riguardanti ogni settore informatico: programmazione, web marketing, robotica, elettronica, graphic e web design, giornalismo online, digital painting, coding, fotografia digitale e tanti altri campi digitali.

Formati per un futuro sempre più digitale… stai allerta! tieni d’occhio la mappa e partecipa ai petali che più preferisci! 

Se, invece, hai intenzione di organizzare un evento segui le modalità descritte qui e… spacca! 

I petali si svolgeranno dal 2 al 12 Marzo. Se non hai la possibilità di organizzare per la data indicata, non ti devi preoccupare… nella mappa saranno inclusi tutti gli eventi che si terranno dal 1° al 31 Marzo 2018.

Ma non finisce mica qui…

I punti di riferimento in tutte le Regioni italiane e paesi esteri sono i referenti, uno maschile e una femminile come simbolo di pari opportunità e i loro collaboratori che:

  • supporteranno chiunque voglia organizzare dei petali nella propria Regione o paese estero di residenza;
  • contatteranno associazioni, gruppi, persone, aziende tecnologiche e istituti scolastici di ogni ordine e grado che possano svolgere degli eventi nella Regione o paese estero in cui risiedono;
  • pubblicizzeranno l’iniziativa con social network, testate giornalistiche, blog, radio o tv.

Ed infine… saranno liberi di organizzare dei petali, creare articoli, video e materiali riguardanti la manifestazione e gli eventi.

Se hai bisogno di aiuto per organizzare un petalo nella tua Regione o paese estero… fai un fischio ai referenti e ai loro collaboratori! prima però… leggi le modalità riportate qui

Se, invece, vorresti salvare dalla catastrofe della disuguaglianza la tua Regione o paese estero, trasformati in super eroe e … candidati per uno di questi ruoli! C’è sempre un po’ di buono dentro di noi… confida nella tua persona! 

Facciamo uno spazio ai media partner e agli sponsor… non siate egoisti… in fondo più si è meglio è!

I media partner hanno il compito di:

  • divulgare l’iniziativa con social network, testate giornalistiche, blog, radio o tv;
  • contattare testate giornalistiche, blog, radio o tv che possano divulgare l’iniziativa;
  • creare articoli, video, materiali o immagini riguardanti la manifestazione o gli eventi.

Inizia a scatenarti… e a far rimbalzare le notizie più forte che puoi!

boing…boing… i materiali da divulgare li trovi qua

Ora è il turno degli sponsor che possono:

  • offrire degli spazi per i petali che si terranno nella loro Regione o paese estero;
  • creare dei gadget per i partecipanti ad alcuni eventi selezionati dallo sponsor;
  • donare fondi agli organizzatori di alcuni petali scelti dallo sponsor.

Gli sponsor dovranno contattare direttamente gli organizzatori degli eventi alla mail dei petali inseriti nella mappa.

candidati come media partner o sponsor e… lascia la tua impronta! 

ma un attimo di riflessione…

Perché partecipare?

Innumerevoli sono gli esempi, di discriminazioni di genere che avvolgono la società.

  • “The conquest is information” è il motto di Rosadigitale. Non è la donna e neanche l’uomo, è la conoscenza, l’informazione corretta, le competenze, la creatività che fa sì che una persona venga selezionata in un’azienda. Si dovrebbero considerare le caratteristiche, non il sesso.
  • I bambini vengono avvicinati subito alla tecnologia: ai tablet, smartphone, pc, dall’altra parte, invece, ci sono le bambine, che ricevono bambole, corone da Principessa, cucine, pentole… genitori, non pensate sia meglio regalare sia pc che bambole ai vostri bambini e alle vostre bambine? dovrebbero avere il diritto di sperimentare.
  • Le donne spesso, nelle aziende, vengono pagate meno rispetto agli uomini.

Questi sono solo alcuni dei tantissimi esempi di disuguaglianze.

Ragazzi, ragazze, uomini, donne, genitori, insegnanti e imprenditori, non pensate sia ora di formarsi verso il futuro e di dire basta alle discriminazioni?

Accendete i motori e alzate il volume della musica… si parte!!!!!!